Swiss Disability And Development Consortium

SDDC

Swiss Disability and
Development Consortium

My Lens My Reality presenta le storie di dieci donne affette da disabilità in Nepal. I loro ritratti sono supportati da fotografie realizzate dalle stesse protagoniste. Attraverso tali immagini le donne raccontano le loro storie, immortalando barriere e facilitazioni per la loro integrazione nella società nepalese. Confrontate con molteplici livelli di discriminazione in quanto donne, in quanto disabili, in quanto gruppo minoritario o appartenente a una famiglia povera, queste donne lottano per condurre una vita dignitosa. Finora, le condizioni e le esigenze delle donne con disabilità in Nepal erano state poco analizzate, sottovalutate e sottostimate. Queste storie dimostrano che, grazie all’inclusione, alla conoscenza e alla consapevolezza sociale, le donne con disabilità sono in grado di partecipare in modo significativo a tutte le sfere della comunità, fornendo il proprio contributo alla vita sociale attiva. 

Il metodo d’indagine Photovoice consente ai partecipanti di decidere cosa sia più importante per loro e come intendano raccontare la propria storia. Il metodo fornisce l’opportunità di vedere il mondo attraverso gli occhi dei partecipanti. Il progetto mira a cambiare la prospettiva tra il pubblico e i responsabili delle decisioni, favorendo una società inclusiva per tutti. 

Questa mostra è un progetto di collaborazione basato su uno studio Photovoice condotto dall'Università di Berna. È stata realizzata dal Swiss Disability and Development Consortium, in collaborazione con quattro organizzazioni nepalesi di persone con disabilità: la Nepal Disabled Women Association (NDWA), la National Indigenous Disabled Women Association Nepal (NIDWAN), la Blind Women Association Nepal (BWAN) e KOSHISH. I ritratti sono stati scattati da Kishor Sharma del CBM Global Nepal Country Team. 

Accedi allo studio Photovoice e ad altre informazioni qui.

Deu Kumari

A causa della sua disabilità, Deu Kumari è stata privata dell’istruzione di base. Con il sostegno di un’organizzazione locale di persone con disabilità, ha ricevuto una formazione professionale. Ora è una maestra di sartoria. Lei dice che se alle donne con disabilità viene data l’opportunità, possono vivere in modo indipendente, sostenere la loro famiglia e anche altre persone. Deu Kumari è sposata e ha tre figli.

Leggi la storia di Deu Kumari

Ritratto di Deu Kumari che guarda seriamente nella macchina fotografica. Porta i capelli legati indietro, piccoli orecchini, un piercing al naso e un bindi. Deu Kumari indossa una sciarpa rosa, blu e nera e un top giallo.
Ritratto di Ganga. La giovane donna indossa una coda di cavallo alta e laterale. Ha un piercing al naso, indossa una maglietta sportiva viola e una cravatta gialla per capelli.

Ganga

La discriminazione basata sul genere, sulla disabilità, sull’età, sulla percezione e sulla lingua influisce sulla vita quotidiana di Ganga. Attraverso l’imprenditoria sociale, sta affrontando queste sfide sociali e incoraggiando altre donne con disabilità ad acquisire fiducia.

Leggi la storia di Deu Kumari

Sahida

Per Sahida, sono le piccole cose che portano la vera felicità e una vita realizzata. A causa della sua povera condizione economica, del suo matrimonio tra caste differenti e della sua disabilità, è stata esclusa dalla sua famiglia, ma ha imparato a rimanere felice e ad apprezzare ogni momento della sua vita.

Leggi la storia di Sahida

Ritratto di Sahida. È una donna anziana. Ha i capelli bianchi e la pelle scura. Indossa una sciarpa a scacchi bianchi e blu avvolta intorno alla testa e alle spalle. Ha un piercing dorato al naso.
Ritratto di Kamala. Ha appuntato indietro i suoi riccioli scuri. Indossa un bindi sulla fronte, un piercing al naso e un rossetto. Il suo vestito rosso ha un motivo floreale.

Kamala

Lo stile di vita tradizionale indigeno è importante per Kamala. Ma come donna disabile di una comunità emarginata, è sempre più difficile per lei affrontare la società. Con il sostegno delle organizzazioni locali per le persone con disabilità, si sta rendendo indipendente dal punto di vista finanziario.

Leggi la storia di Kamala

Sunita L.

Come donna con una disabilità psicosociale, Sunita L. sta ora sensibilizzando la popolazione sulla necessità di dare priorità alla salute mentale così come si dà priorità alla salute fisica. Sta difendendo i suoi diritti e quelli degli altri membri del suo gruppo di auto-aiuto.

Leggi la storia di Sunita L.

Ritratto di Sunita L. Ha lunghi capelli neri. Ha un piercing al naso, un orecchino e un bindi sulla fronte. Porta una lunga collana con pietre rosse e giallo. Indossa un top rosso con sopra un cardigan rosso.
Ritratto di Rashmi. I suoi capelli sono legati all'indietro e i suoi occhi sono truccati con il kohl. Indossa lunghi orecchini d'argento e un maglione marrone.

Rashmi

Rashmi è un’artista non udente. La sua arte evoca la sua cultura, la sua lingua e la sua comunità. Attraverso la sua arte, Rashmi vuole far sentire la voce delle persone che sono socialmente, fisicamente, culturalmente e politicamente svantaggiate. Vuole incoraggiarle ad andare avanti nella loro vita facendo qualcosa di meglio.

Leggi la storia di Rashmi

Sunita N.

Essendo completamente cieca, Sunita N. affronta molte sfide nella sua vita quotidiana. Le strade e gli edifici non sono accessibili. Non esistono i dispositivi con i messaggi vocali alle strisce pedonali o alle fermate degli autobus pubblici, il che rende la sua vita molto difficile. Lei vorrebbe che il governo agisca per l'inclusione.

Leggi la storia di Sunita N.

Ritratto di Sunita N. Sembra giovane e ha lunghi capelli neri legati in una coda di cavallo. Porta degli occhiali da sole rotondi con lenti color porpora e una montatura argentata. Indossa una giacca di pelle nera.
Portrait of Rupa. She is slightly overweight with medium long hair. Her hair is darker on top and died a bit lighter on the bottom. She is wearing glasses on the top of her head. She has a nose piercing and is wearing light-colored lipstick. She is wearing a silver necklace. She is also wearing a blue V-shaped top with a yellow and white flower pattern. On top of it, she is wearing a black cardigan.

Rupa

Avere una disabilità fisica non è una scelta di Rupa, ma lei la considera la sua forza. Dopo aver affrontato molti rifiuti e molta sofferenza, ha finalmente trovato la sua strada. Con l’aiuto di sua madre, ha iniziato una piccola attività di vendita di 'achar' (cetrioli sottaceto nepalesi). Ha dimostrato a sé stessa che il suo atteggiamento positivo è molto più forte della sua disabilità.

Leggi la storia di Rupa

Babita

Babita ha una disabilità psicosociale. Non ha potuto continuare la sua istruzione a causa di una serie di ostacoli. Con il sostegno della sua famiglia, ora si occupa di sartoria e si mantiene così.

Leggi la storia di Babita

Ritratto di Babita. I suoi capelli cadono davanti alle spalle. Sorride, mostrando i suoi denti bianchi. Ha un piccolo piercing d'argento al naso e indossa una giacca rossa chiusa fino in cima.
Ritratto di Sumitra. Ha i capelli lunghi e scuri, che sono leggermente tirati all’indietro. Indossa un top blu scuro con un motivo di olive e delle foglie verde chiaro. Il colore dei suoi occhi è leggermente diverso tra di loro.

Sumitra

Sumitra ha perso recentemente la vista a causa del glaucoma. La sua cecità l’ha resa economicamente dipendente dalla sua famiglia. Le sue medicine sono costose. Vuole che il governo fornisca più opportunità di lavoro alle persone cieche come lei.

Leggi la storia di Sumitra

Torna su