Swiss Disability And Development Consortium

SDDC

Swiss Disability and
Development Consortium

Kamala

Lo stile di vita tradizionale indigeno è importante per Kamala. Ma come donna disabile di una comunità emarginata, è sempre più difficile per lei affrontare la società. Con il sostegno delle organizzazioni locali per le persone con disabilità, si sta rendendo indipendente dal punto di vista finanziario.

Ritratto di Kamala. Ha appuntato indietro i suoi riccioli scuri. Indossa un bindi sulla fronte, un piercing al naso e un rossetto. Il suo vestito rosso ha un motivo floreale.
Un carrello su una piazza vuota. Ci sono vari prodotti su di esso come bottiglie d'acqua. Due giovani sono in piedi davanti al carrello e parlano tra di loro. Una terza persona è dietro di loro.

"Non ho amici, per così dire. Sono molto occupata perché sono al lavoro dalle 7 alle 19. Mio marito e i miei clienti sono i miei unici amici. Ma in pubblico, chi mi vede tende a indicare la mia sedia a rotelle. Dicono cose come: 'Lei è disabile; come potrà lavorare?' e altre cose simili. Non mi piace”.

"Questa foto mi ricorda la mia infanzia. Sono cresciuta in un villaggio e il mezzo di sopravvivenza era l’allevamento del bestiame. Dovevo nutrire il bestiame in modo che in futuro avremmo avuto molto latte e più capi da vendere. Essendo di una comunità emarginata, era la nostra unica fonte di guadagno".

Una mucca nera e quattro capre bianche stanno mangiando erba. Sono in piedi sotto una tenda di lamiera, che appartiene a una stalla.
Torna su